ZETACOMEZOMBIE testata 962x180


GZDM vol03Durante le giornate dell’ultimo Festival di Cannes, la casa di produzione cinematografica Full House – produttrice, fra l’altro, degli ultimi lavori di Laurent Cantet – ha annunciato che Gli zombie che divorarono il mondo, la serie a fumetti creata da Jerry Frissen, diventerà un film per il grande schermo.
Venerdì 29 maggio uscirà in tutte le librerie e fumetterie italiane il terzo volume della serie, intitolato L’immondo perduto (pagg. 96, euro 12.50). Scritto come sempre da Jerry Frissen, il nuovo arco narrativo vede ai disegni un nuovo autore, il portoghese Jorge Miguel, perfettamente a suo agio con l’umorismo nero e grottesco che caratterizza Gli zombie che divorarono il mondo. Ma a che punto siamo della saga che ha per protagonisti Freddie “il belga” Merckx, Maggie e Karl Neard? Siamo nel 2069: gli anni passano, ma le cose sul pianeta Terra non migliorano. I morti continuano a uscire dalle loro tombe, a passeggiare indisturbati per le strade di Los Angeles. Niente è cambiato, dunque, rispetto al precedente volume della serie? Be’, non esattamente: a qualcuno è venuta un’idea luminosa che potrebbe risolvere per sempre la difficile convivenza tra cadaveri ambulanti ed esseri umani. Bleev Kleinman, il vecchio astronauta morto nel 2064 e divenuto nel frattempo miliardario, ha avviato un progetto rivoluzionario: la colonizzazione della Luna da parte degli zombie. E dei mammut. Esatto, coloro che sono tornati si stanno trasferendo in massa sul nostro satellite, accompagnati dagli antenati estinti degli elefanti. Tutto a posto, dunque? Non proprio. Sebbene Freddie “il belga” Merckx sia di nuovo ricco e continui a poltrire sul divano in compagnia del suo fedele amico Karl Neard, inizia a nutrire dubbi sul fatto che la sua adorata Maggie lo ami ancora. E quei dubbi saranno solo l’inizio di peripezie e guai che rischieranno di mandare all’aria tutto. O, meglio, in orbita.
L’immondo perduto è disponibile a partire da venerdì 29 maggio in libreria, fumetteria e nello shop online del sito saldapress.com.

Archivio